Come coltivare le amicizie della tua mamma


Come coltivare le amicizie della tua mamma / come

È un gioco che le madri si impegnano di volta in volta: le Olimpiadi del dolore. È facile da giocare - devi solo credere che il tuo dolore sia più grande, o più rilevante, o più difficile di chiunque altro. Perché stiamo cercando di vincere questo gioco esattamente?


Infertilità. Un bambino che fa il prepotente. Un bambino che è vittima di bullismo. Un bambino con disabilità Un marito che si allontana. Un divorzio disordinato. Un marito che muore. Infertilità secondaria Difficoltà finanziarie. Un lavoro che non si risolve. Una carriera che si accumula presto.
Soffriamo. Tutti noi soffriamo. A volte, la nostra sofferenza è divisa per il mondo da vedere. A volte succede a casa, dietro porte chiuse e chiuse. Ma tutti soffriamo. E alcuni di noi ci sono riusciti.
Cosa significa essere bravi a soffrire? Sai. Hai quell'amico - abbiamo tutti quell'amico - che ha sempre più difficoltà di te. La tua macchina si è rotta? Il suo è stato rubato. Sei stanco? Lei ha la fibromialgia. Il tuo bambino ha fallito la storia? La sua ha delle esigenze speciali in buona fede. In cima!


Qual è il premio?

Siamo donne. È nella nostra natura confortarsi e sostenerci a vicenda, ma è chiaramente anche nella nostra natura competere l'uno con l'altro. Perché vogliamo vincere le Olimpiadi del dolore non è chiaro. Cosa stiamo guadagnando scontando a vicenda il dolore e il piacere dei nostri? Quanto saremmo più forti se rimanessimo fianco a fianco con le nostre sorelle invece di deridere le loro scuse per il dolore di fronte alle nostre tragedie più significative?
Una verità fondamentale da ricordare è che il mio dolore, la mia situazione schifosa - non importa quanto sia grave - non rende il tuo dolore meno rilevante. In altre parole, anche se mio figlio ha una rara sindrome genetica, puoi ancora essere devastato quando scopri che tua figlia ha bisogno di occhiali. Il mio dolore non deve sconfiggere il tuo - e tu non devi cercare di uscire da me.

Perché suoniamo

Forse crediamo erroneamente che indossare il nostro dolore come distintivo d'onore possa darci credibilità o uno status elevato di qualche tipo. Davvero, però, cosa stiamo ottenendo dal coraggiosamente assumendo i nostri pesi da soli, a parte le spalle doloranti?
Le nostre intenzioni non sono sempre sinistre. A volte, stiamo cercando di entrare in empatia. "Il tuo gatto è malato? Mia mamma è morta! Anche io sento dolore!" Ma pensa per un momento a come ti senti quando stai male. Come sei solo, anche nel mezzo di un affollato centro commerciale. Non è che la miseria ama la compagnia - non vuoi sentire come si sentiva qualcun altro quando le accadeva. Vuoi sentirti ascoltato. Vuoi sentirti amato. Vuoi sentirti non solo più.
Vuoi sentire, "Mi dispiace, sono qui se hai bisogno di me."
Vuoi far scivolare un po 'di quel peso sulle tue spalle e su quelle del tuo amico.

Sii il cambiamento

Indovina un po? Tutte quelle cose che vuoi? Questo è ciò che il tuo amico vuole da te quando ti chiama e ti chiede se hai un minuto. È quello che sta cercando di dire quando ti dice che ha perso il bambino, ma va bene, perché non è sicura di volerne un altro comunque. È troppo vecchia, vero? Non è il momento di condividere quanto sei triste quando la tua tartaruga è scappata. Questo è il momento di dire: "Oh, Dio, mi dispiace tanto. Questo è il momento di ascoltare, di lasciarle parlare e di concedere il tuo titolo.

Non c'è premio

Non c'è in realtà un premio alle Olimpiadi del dolore. Tutto quello che ottieni è - ferito. Comprendi che questo è un gioco che nessuno vince mai veramente. Quindi lascia andare. Afferra i tuoi amici. Spalla che ti pesi insieme, e potresti vedere solo l'oro.

Leggi di più:

  • Fare amicizie nel cortile della scuola
  • Trovare altre mamme online
  • Legami con altre mamme alle bacheche di SheKnows